La cremazione

La CREMAZIONE è una pratica funeraria, alternativa alla tradizionale tumulazione ma altrettanto riconosciuta dalla Chiesa Cattolica, sempre più diffusa e richiesta soprattutto per motivazioni etiche e di sensibilità personale, ma anche in grado di garantire un maggior risparmio economico e di risorse ambientali.

La legge N. 130 del 30/03/2001 (Disposizioni in materia di Cremazione e Disposizione sulle Ceneri), prevede anche la dispersione delle ceneri in luoghi privati, lontani dai centri abitati, nei tratti di mare, di laghi o di fiumi liberi da natanti e manufatti o comunque la tumulazione, l'interramento o l'affidamento ai familiari, del defunto presso il loro domicilio.
La cremazione della salma viene autorizzata dal Comune di appartenenza del defunto in base alle precise volontà testamentarie: in caso di morte improvvisa o in mancanza di disposizioni di alcun tipo, la scelta di avvalersi di questa possibilità ricadrà sulla famiglia dell'estinto.Per coloro i quali, al momento della morte, risultino iscritti a società di cremazione, è sufficiente la presentazione di una dichiarazione in carta libera, scritta e datata, sottoscritta dall’associato di proprio pugno, dalla quale chiaramente risulti la volontà di essere cremato. La dichiarazione deve essere convalidata dal presidente della società di cremazione.

Torna su